domenica 25 settembre 2016

Gnocchi di farina di piselli con pesto di zucchine e pistacchi, mazzancolle ed olio alla menta





Ingredienti per 4 persone

600 gr di patate bianche
80 gr farina di piselli
50 gr di farina di farro

Una zucchina
Una manciata di pistacchi
Olio evo
Sale
Pepe
Due rametti di menta

24 mazzancolle

Pensiamo sempre che pasta e gnocchi fatti in casa richiedano tempo... ma poi quando ci si mette ci si rende conto che in fondo in fondo non è vero e...diciamolo...gnocchi buoni come quelli fatti in casa, in giro non ce n'è!!!
E per partecipare alla sfida dell'MTChallenge del mese di settembre... mi sono procurata della farina di piselli, che ha donato ai gnocchi un bel colore verde tenue!

Per la ricetta degli gnocchi ho seguito alla regola le istruzioni di Annarita Rossi, del blog Il bosco di Alici, per ingredienti (no uova), dosi e procedimento.

Ho fatto quindi cuocere le patate, con la buccia, nella pentola a pressione (con la mia sono bastati 7-8 minuti da quando entra in pressione).
Poi, ancora calde...bruciacciandomi i polpastrelli... ho tolto velocemente la buccia ( che da calda è venuta via sottilissima ed in fretta).
Schiacciare le patate con uno schiacciapatate, trasferire su un piano di lavoro, salare  ed aggiungere la farina di piselli ed un po' di farina di farro. Cominciare ad impastare. Mi ci è voluto un attimo per amalgamare il tutto e non ho nemmeno usato tutta la farina di farro in quanto il composto mi sembrava bello e ben lavorabile.
Formare quindi i rotolini e tagliare i gnocchi nella dimensione che preferite.
Rigarli con una forchetta o l'apposito "arnese", e trasferirli su delle teglie ricoperte di carta da forno.
Per la formare i gnocchi e per adagiarli nelle teglie, ho usato della farina di riso, in modo da non appesantirli troppo.

Far cuocere in padella con un filo d'olio la zucchina a pezzetti per circa 5 minuti. Salare e lasciare raffreddare.
Tritare grossolanamente i pistacchi.
Frullare quindi zucchine e pistacchi, aggiustare di sale e aggiungere dell'olio per rendere il composto più fluido.

Tritare con una mezzaluna le foglie di menta, riporle in una ciotolina e ricoprirle con olio evo.

Mettere sul fuoco una pentola con acqua, portare a bollore e salare.
Nel frattempo pulire le mazzancolle e farle saltare in una pentola antiaderente con un filo d'olio, salare e aggiungere una grattata di pepe.
Cominciare a mettere sul singolo piatto un cucchiaio del pesto di zucchine e pistacchi.

Buttare i gnocchi nell'acqua, pochi alla volta, ed appena affiorano a galla prelevarli con una  schiumarola. Mano mano scolati adagiarli nei piatti sopra il pesto di zucchine, aggiungere le mazzancolle e con l'aiuto di un cucchiaino terminare il piatto con delle gocce di olio alla menta.
Una grattata di pepe ed eccoli pronti, da servire e da mangiare!

Con questa ricetta partecipo alla sfida del mese di settembre dell'MTChallenge N.59: i gnocchi!

giovedì 1 settembre 2016

La torta all'acqua "senza nulla" ma con tanto cioccolato!


Voglia di dolce...voglia di fare una torta...ma ci accorgiamo aprendo il frigo che ci mancano le uova!
Non importa, non servono!!
Cavolo ma non c'è nemmeno burro e nemmeno il latte!
Ma c'è una soluzione a tutto: facciamo una torta.... all'acqua!
Giá...per questa torta non serve nulla!
Quello che conta è avere in casa cacao amaro e cioccolato fondente...quello non deve mai mancare in casa!

Ingredienti
250 gr di farina Monococco Enkir Mulino Marino
100 gr di zucchero di canna
100 gr di zucchero integrale di canna
( o anche 200 gr di zucchero di canna,senza quello integrale)
40 gr di cacao amaro in polvere
1 bustina di lievito per dolci
350 ml di acqua
140 ml di olio di riso (oppure olio di germe di mais)
1 pizzico di sale

Per la glassatura
Una tavoletta (100 gr) di cioccolato fondente
4 cucchiai di latte di soia ( o altro latte vegetale,riso, avena...)

Mettere nella planetaria gli ingredienti secchi: farina, lievito, cacao e zucchero.
Aggiungere l'acqua, l'olio ed il sale.
Amalgamare bene il composto con la frusta.
Trasferire l'impasto in una teglia del diametro di circa 24 cm ricoperta di carta da forno e cuocere in forno caldo a 180 gradi per circa 35 minuti.
Togliere dal forno e far raffreddare.
Sistemare la torta in un piatto.
Fate sciogliere quindi a bagnomaria il cioccolato spezzettato insieme a 4 cucchiai di latte di soia.
Distribuirlo sopra la superficie della torta con una spatola.

In questo caso, ho utilizzato del cioccolato fondente con scorzette d'arancia e scaglie di mandorle, e devo dire che l'effetto ed il gusto mi sono piaciuti molto, perché questa glassatura dona un buon profumo d'arancia a questa torta già super golosa.... seppur fatta con nulla!!!

Questa torta la dedico alla mia amica, collega, nonché madrina di mia figlia, per festeggiare gli esiti della sua curva glicemica!!
Evviva la glicemia bassa!!!!

martedì 30 agosto 2016

Tajine di pollo...per una cena araba



Ingredienti
600/700 gr di petto di pollo
2 piccoli porri
2 carote 
1 melanzana
1 spicchio d'aglio
5 cucchiaini rasi di mix spezie per tajine (o, in alternativa: 1 cucchiaino raso rispettivamente di zenzero in polvere, paprika dolce in polvere, cannella in polvere, cumino in polvere, curcuma in polvere)
2 cucchiai di olio evo
mezzo limone
80 ml di brodo di verdure  
foglioline di coriandolo o prezzemolo, a piacere.      
Per cuocere, pentola tajine.      


Tagliare il petto di pollo a tocchetti.
Mettere un cucchiaio di olio nella tajine e far rosolare per qualche minuto i pezzetti di pollo.
Metterlo da parte in un piatto.
Tagliare separatamente i porri a rondelle, le carote a fiammifero e le melanzane a dadini.
Mettere un altro cucchiaio di olio nella tajine e far cuocere i porri per un paio di minuti.
Aggiungere quindi carote e melanzane e far cuocere per qualche minuto (coperchio chiuso).
Unire quindi le spezie, sciolte in un po' di brodo.
Mescolare bene e cuocere per due minuti (coperchio chiuso).
Aggiungere i pezzetti di pollo e versare il restante brodo di verdure. 
Portare a bollore, chiudendo con il coperchio.

Dopo 10 minuti unire il limone, precedentemente tagliato e ricoperto di sale.
Abbassare il fuoco e cuocere lentamente per circa 1 ora.
Completare a piacimento con delle foglioline di coriandolo o prezzemolo.
Servire con del cous cous.




Per completare il menù dai sapori medio orientali...
Pane pita
Polpette di ceci, Falafel
Hummus di ceci
Salsa yogurt







domenica 28 agosto 2016

Panini al latte con semi di chia



Come meglio iniziare una domenica mattina d'estate con dei panini appena sfornati, ancora caldi per una colazione tutta sprint?!?

Ingredienti per 7/8 panini
280 gr di farina monococco Enkir Mulino Marino
35 gr di zucchero
2 gr di lievito secco
2 cucchiaini di semi di chia
1 uovo
45 gr di burro
120 gr di latte
5 gr di sale

latte per spennellare

Mettere nella planetaria gli ingredienti secchi: farina, zucchero, lievito e semi.
Aggiungere il latte e cominciare ad impastare.
Unire l'uovo e piano piano anche il burro a pezzettini , in modo che venga man mano assorbito dall'impasto. Aggiungere infine il sale.
L'impasto deve risultare unito e staccarsi dalle pareti della planetaria con facilità.
Formare una palla, coprire la planetaria e lasciare lievitare fino al raddoppio.

Dividere quindi l'impasto in 7/8 parti, dare la forma che si desidera (tonda o allungata) e lasciar lievitare ancora per almeno un'ora .
Incidere la superficie e spennellarli con del latte (o volendo con un misto di tuorlo d' uovo e latte).
Infornare per circa12 minuti a 180° gradi, fino a che non risultano ben dorati.


Nel mio caso, volendo fare una colazione con i panini appena sfornati, ho preparato l'impasto la sera, lasciato riposare per un paio d'ore a temperatura ambiente, e poi lasciato in frigo per tutta la notte.
Al mattino, per prima cosa, togliere l'impasto dal frigo, dividerlo in panini e lasciare lievitare ancora per almeno un'ora.








martedì 23 agosto 2016

La cipolla di Giarratana ed il suo tortino





Quale regalo più bello, ricevere da degli amici invitati a cena delle cipolle!!
Ma che cipolle!!
Le cipolle di Giarratana direttamente dalla Sicilia, nonché presidio slow food!
Non so voi, ma qui di certo non si trovano, nè al mercato, nè dal verduriere di fiducia super fornito.
Si tratta di cipolle enormemente grandi!Tanto che per una zuppa di cipolle per due persone ne può bastare anche solo mezza!
Il sapore è dolce, per nulla pungente, quindi particolarmente adatte anche per essere mangiate crude.
La prima, in questo caso è finita dentro un buon tortino salato fatto con una pasta per torte salate all'olio.


Ingredienti
Per la pasta 
200 gr di farina di farro
2 cucchiai di olio evo
Acqua 
Sale

Per il ripieno
una cipolla di Giarratana 
125 gr di ricotta
3 uova 
Qualche rametto di maggiorana
2 fettine di prosciutto crudo
Sale e pepe


Preparare la pasta per il tortino salato, impastando nella planetaria farina, olio, un pizzico di sale ed  acqua (quanto basta per ottenere un composto liscio e creare una palla che facilmente si stacca dalle pareti).
Avvolgere la palla in pellicola trasparente e lasciar riposare per almeno una mezz'oretta.
Nel frattempo, pulire la cipolla, tagliarla a fettine sottili e farla cuocere dolcemente in padella con un filo d'olio.
Aggiustare infine di sale e pepe.
Tritare la maggiorana ed il prosciutto crudo.
In una ciotola mescolare le uova e la ricotta con u pizzico di sale, aggiungere quindi il trito di maggiorana e prosciutto e le cipolle che nel frattempo si saranno intiepidite.
Prendere l'impasto, stenderlo sottilmente con l'aiuto del mattarello e ricoprire una teglia (foderata di carta da forno).
Bucherellare la pasta stesa, eliminare gli eccessi (che potranno servire per delle decorazioni del tortino, a mo di crostata o per fare dei salatini o anche dei semplici grissini al forno).
Versarci quindi il ripieno e mettere in forno, precedentemente riscaldato, a 180° per circa 40 minuti.








lunedì 22 agosto 2016

Pizza di Scarola



Ingredienti
Per l'impasto
600 gr di farina di farro
150 ml di latte
150 ml di acqua
15 gr di lievito di birra
130 ml di olio evo
15 gr di sale

Per il ripieno
2 cespi di insalata scarola liscia
15 gr di acciughe sottolio
10 gr di uva sultanina
20 gr di pinoli
1 spicchio d'aglio
40 ml di olio evo
sale
pepe

1 tuorlo
latte


Per l'impasto
Sciogliere il lievito di birra in 50 ml di acqua tiepida (tra i 30 ed i 40 gradi)
Lavorare nella planetaria la farina, il lievito, il latte e l'acqua rimasta.
Aggiungere l'olio e dopo qualche minuto, il sale.
Impastare fino ad ottenere un composto liscio.
Formare una palla e spostarla in una ciotola ampia coperta da pellicola trasparente.
Lasciar lievitare per circa 2 ore a temperatura ambiente.

Per il ripieno
Lavare la scarola e asciugarla. Tagliarla in pezzetti di circa 3 cm.
In una padella soffriggere in olio lo spicchio d'aglio.
Quando è dorato, toglierlo ed aggiungere nella padella le acciughe finché non si disfano.
Unire quindi la scarola, l'uva sultanina (precedentemente ammollata in acqua) ed i pinoli.
Aggiustare di sale e pepe.
Cuocere per circa 5 minuti, scolare l'acqua in eccesso e far raffreddare.


Dividere l'impasto lievitato in due parti uguali e stenderlo con un mattarello.
Ungere una teglia rotonda e foderarla con una delle due parti di impasto, bucherellarla e riempirla con il ripieno.
Chiudere il tutto coprendolo con la restante parte dell'impasto e bucherellare.
Spennellare con il tuorlo d'uovo leggermente diluito nel latte ed infornare a 180° per circa 45 minuti.
Lasciar intimidire prima di servire.


L'impasto restante può essere messo in freezer e riutilizzato per un'altra torta salata.


Ricetta liberamente tratta dal libro Il piatto forte è l'emozione di Antonino Cannavacciuolo, 50 ricette dal sud al nord.



domenica 21 agosto 2016

Ricette d'estate: Bruschette con stracciatella e zucchine alla menta



Ingredienti
Zucchine dell'orto, fresche e non troppo grandi
Stracciatella
Olio evo
Menta
Pinoli
Pane casereccio
Sale
Pepe

Lavare e pulire le zucchine.
Affettarle sottili con una mandolina, nel senso della lunghezza.
Grigliarle nella bistecchiera per pochi istanti.
Sistemarle in una ciotola e condirle con olio evo, sale, pepe e menta tritata.
Tagliare delle fette di pane, spennellarle con dell'olio e farle tostare in forno.
Nel frattempo, in un pentolino, tostare i pinoli.
Comporre quindi le bruschette, mettendo uno strato di stracciatella, due fettine di zucchine aromatizzate alla menta e terminare con i pinoli.